Giornata mondiale contro l’epatite 2017

Il test di accertamento gratuito per la diagnosi dell’epatite

In Svizzera 80’000 persone convivono con l’epatite C o B, ma la metà di esse non sa di averla contratta. In occasione della giornata mondiale contro l’epatite del 28 luglio, la rete Stragegia Svizzera contro l’epatite offre la possibilità alle persone a rischio di sottoporsi a un test di accertamento gratuito.

A tale scopo la strategia svizzera contro l’epatite offre a tutte le persone a rischio l’esecuzione di un testo gratuito. Un controllo preventivo del rischio fornisce informazioni sugli eventuali rischi corsi in passato. I rischi sono molteplici e spesso risalgono ad anni addietro.

Chi, alla fine del test online, dovesse ricevere la raccomandazione di effettuare il test dell’epatite, riceverà un buono da utilizzare entro la fine di settembre presso i vari laboratori partner o i centri di depistaggio partner in tutta la Svizzera.

Particolarmente a rischio le annate dal 1950 al 1985

Particolarmente colpiti dal rischio di aver contratto l’epatite C, sono i nati tra il 1950 e il 1985. A tale scopo la campagna viene pubblicizzata anche con l’immagine di una cassetta musicale, di un nastro ingarbugliato con la scritta “Greatest Risks 1950 – 1985”, “I maggiori rischi 1950 – 1985”. La campagna è presente con un video esplicativo sui canali dei social media e con volantini e manifesti presso gli studi medici e i centri di cura. L’azione durerà fino a fine settembre del 2017.

I principali sponsor della campagna sono i Rothen Medizinische Laboratorien. Altri sponsor: medica Medizinische Laboratorien e Laborgemeinschaft 1. Oltre agli sponsor, i partner di esecuzione del test sono Medisupport e Synlab.

Volantino

Banner (700x200px.jpg)

Banner (160x600px.jpg)

Banner (200x200px.gif)

 

Giornata mondiale dell’epatite 2016: Greatest Risks 1950 – 1985

La giornata mondiale dell’epatite 2016 è all’insegna dello slogan “Greatest Hits – Greatest Risks 1950 – 1985”.Una stima indica che in Svizzera ci sono 100‘000 individui affetti da epatite B o C cronica. La metà di essi, però, non sa di aver contratto il virus. Una realtà che può avere conseguenze disastrose.

In occasione della giornata mondiale dell’epatite, allo scopo di informare e di curare un numero maggiore di persone sull’infezione che hanno contratto, la rete di esperti sulla strategia svizzera per la lotta contro l’epatite lancia un test di rischio su www.epatite-svizzera.ch.

Particolare attenzione dev’essere rivolta alle persone nate tra il 1950 e il 1985. Analizzando le statistiche degli individui colpiti si nota che la maggioranza dei pazienti è nata tra il 1950 e il 1985. Poiché l’epatite C è stata scoperta solo poco prima del 1990, c’è il rischio che il contagio sia avvenuto negli anni ’80 con emoderivati nel corso di trattamenti ospedalieri. Altri rischi sono costituiti dallo scambio di siringhe e di cannucce per sniffare infette, da tatuaggi e piercing, eseguiti in condizioni igieniche precarie, oppure – in caso di epatite B – da rapporti sessuali non protetti.

Vai al test di rischio http://www.hepatitis-schweiz.ch/it/umfrage

Volantino (PDF)
Poster (PDF)
Banner