Epatite B

Nel 90 percento dei casi l’infezione acuta da epatite B guarisce da sola, non esistono medicamenti per curarla. L’infezione acuta dev’essere trattata in caso di progressione della malattia: di regola la terapia consiste nell’uso di farmaci antivirali (analoghi nucleosidici e nucleotidici) o di interferone pegilato.

L’obiettivo è quello di sopprimere i virus a lungo termine e di ridurre i valori epatici nel sangue. A dipendenza del decorso patologico, la terapia dura da sei e dodici mesi (interferone) e diversi anni (analoghi nucleosidici e nucleotidici). In caso di decorso benigno è sufficiente effettuare dei controlli regolari presso il medico. 

Ulteriori informazioni

Epatite C

L’obiettivo del trattamento è la guarigione, onde evitare le malattie conseguenti, in particolare le malattie epatiche associate all’HCV e le gravi manifestazioni extraepatiche. Dal primo ottobre 2017 tutti i nuovi antivirali ad azione diretta, in inglese Direct-Acting Antiviral Agents (DAA), che non prevedono l’interferone, sono disponibili senza limitazioni. Ci sono sempre le limitazioni che riguardano le prescrizioni: solo gli epatologi, i gastroenterologi, gli infettivologi e alcuni medici specializzati in medicina della dipendenza, che hanno esperienza nella terapia dell’epatite C (vedi lista), hanno il permesso di prescrivere tali costosi medicamenti. La terapia dura 8, 12 o 24 settimane. Il costo si aggira a ca. 30'000 franchi.

Per maggiori informazioni consultare i siti: www.compendium.ch o www.swissmedicinfo.ch

Linee guida terapeutiche:

Raccomandazioni terapeutiche SASL e SSI: https://sasl.unibas.ch/6SASLguidelines.php

Raccomandazioni EASL 2015 per il trattamento dell’epatite C: http://www.easl.eu/medias/cpg/HEPC-2015/Full-report.pdf